Come avere successo nel mercato delle bevande attraverso il coinvolgimento dei barman

Coinvolgere baristi e barman è una strategia vincente per crescere nel mercato del fuori casa italiano. Lo dimostra una nuova ricerca esclusiva di CGA by NIQ.

Click here to read the article in English/ Clicca qui per leggere il blog in inglese

 

Scarica maggiori informazioni

L'”Italy Bartender Report” è una ricerca ricca di insights che supportano i produttori a comprendere l’influenza e il ruolo dei professionisti nei locali. L’analisi si basa su un importante sondaggio di BarSights che coinvolge 150 barman esperti e provenienti da tutta Italia. Lo studio rivela che tre quarti dei barman (76%) raccomandano drink specifici ai frequentatori del locale dove lavorano almeno una volta alla settimana, mentre quasi due terzi (63%) lo fanno per la maggior parte degli ospiti o più volte durante il turno. 

 

Un’evidenza importante che emerge dall’indagine è che le raccomandazioni dei barman si traducono in vendite. Infatti, quasi due barman su tre (64%) affermano che gli ospiti del locale ordinano sempre, o quasi, le bevande suggerite dal professionista.  

 

Un’altra indagine CGA by NIQ effettuata sui consumatori, OPUS, approfondisce in maniera complementare l’influenza esercitata dai barman Nello specifico, l’analisi rivela che le raccomandazioni dei baristi in Italia sono un fattore decisivo di scelta per il 29% dei consumatori – rispetto alla Germania (25%) e alla Francia (26%) – un valore vicino ai suggerimenti degli amici che si attesta al 30%. 

 

I baristi hanno un ruolo particolarmente prezioso nell’incoraggiare i consumatori a scegliere prodotti premium o a provare nuove bevande, un elemento importante in un mercato dei cocktail conservativo come l’Italia, dove le persone tendono a restare fedeli alle loro bevande preferite. I dati di OPUS mostrano che l’Aperol Spritz, il Mojito e il Campari Spritz sono i tre cocktail più popolari, mentre limone, lime e fragola sono i tre gusti preferiti. Tuttavia, i baristi possono aiutare a promuovere nuovi marchi e diverse combinazioni di sapori ai consumatori, specialmente ai giovani adulti che sono molto più propensi a sperimentare rispetto alle fasce d’età più mature. 

 

L’Italy Bartender Report fornisce altri approfondimenti sulla conoscenza e sul sostegno dei bartender mettendo in evidenza le strategie migliori per coinvolgere e supportare il personale del bar. Il rapporto esplora anche le ultime tendenze nelle preferenze delle bevande e come i menu, così come i social media, possono influenzare le scelte dei drink dei consumatori. 

 

Daniela Cardaciotto, On Premise Sales Leader Italia di CGA by NIQ, ha dichiarato: “Ottenere il sostegno del personale del bar è un modo rapido ed estremamente efficace per influenzare le scelte d’acquisto dei clienti, costruire la reputazione del marchio, aumentare vendite e quota di mercato. Il Bartender Report è un’importante risorsa per i brand di bevande, in quanto consente di esplorare il panorama del beverage all’interno dei locali, individuare i principali trend del settore in Italia, conoscere le preferenze dei clienti e anticipare le tendenze emergenti. Si tratta, inoltre, di uno strumento essenziale per comprendere le dinamiche tra baristi e fornitori, svelando le loro predilezioni, i fattori che influenzano le loro relazioni e i metodi migliori per incentivare la collaborazione”. 

 

L’Italy Bartender Report è stato realizzato per sostenere tutte le aziende di bevande intenzionate a comprendere il mercato delle bevande nel settore del fuori casa e a creare strategie di coinvolgimento e vendita di successo con i bartender. È possibile acquistarlo ora. Per ulteriori informazioni, contattare Daniela Cardaciotto all’indirizzo, daniela.cardaciotto@nielseniq.com  

Recent posts:

Share post

Archive

Subscribe to our newsletter

Access the latest On Premise news and reports by signing up below.